Svizzera
Svizzera

myGeobrugg

Miniera di rame di Kanmantoo

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Parete occidentale durante la costruzione della barriera, giugno 2018. Si notino i livelli multipli delle barriere paramassi, sovrastate dai sistemi ATTENUATOR.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Parete settentrionale del Giant Pit nel 2016. Questa fu schermata posteriormente con DELTAX® G80/2.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Barriera RXE-3000 nell’ottobre 2016.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

La rampa di trasporto si inserisce al di sotto del sistema ATTENUATOR.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Costruzione della barriera RXE-3000 nel giugno 2018.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Vista aerea della parete occidentale, settembre 2018. Si notino i cedimenti planari e a cuneo così come i diversi livelli di barriere paramassi e i sistemi ATTENUATOR.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

La rampa di trasporto si inserisce al di sotto del sistema ATTENUATOR. Si noti in alto il blocco da 560 t stabilizzato con SPIDER® S4-130 (video: 1.00 min.).

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Parete settentrionale, settembre 2018, avvolta in DELTAX® G80/2.

Protezione da caduta massi - Miniera di rame di Kanmantoo 2019

Uno degli ATTENUATOR contro la caduta massi nella parete occidentale, settembre 2018.

Situazione iniziale

La miniera di rame di Kanmantoo, nelle Adelaide Hills dell’Australia meridionale, è gestita dalla società Hillgrove Resources Pty Ltd. A metà del 1800 ebbero luogo in quest’area attività di estrazione sotterranea in stile Cornish; il primo scavo divenne operativo negli anni ‘70, e più di recente la miniera ha riaperto nel 2011. Da allora, Geobrugg ha lavorato a stretto contatto con Hillgrove Resources Pty Ltd progettando e fornendo una vasta gamma di sistemi di messa in sicurezza.

Due fori più piccoli (Kavanagh e Spitfire) sono stati funzionanti tra il 2011 e il 2015, prima di fondersi in un unico grande foro, «The Giant Pit», che verrà ultimato a metà del 2019.

La sua conformazione con pareti scoscese presuppone una gestione intensiva contro la caduta di massi e l’installazione di un ampio supporto contenitivo per la roccia. Il foro presenta due principali tipi di roccia competente: scisto a biotite (Bsch) e scisto a biotite, andalusite e granato (GABS). Non si riscontrano difetti particolari e solo poche zone di taglio, pertanto la stabilità della miniera è data da un insieme di quattro punti di connessione principali. Due ripide strutture discendenti verso est sfociano in un cedimento planare e a cuneo, prevalentemente sulle pareti occidentali.

Descrizione

Geobrugg, nel tempo, ha lavorato a stretto contatto con i tecnici della miniera e con l’impresa installatrice per riuscire a gestire una serie di pericoli dovuti dalla caduta di massi. Fino ad oggi sono stati installati all’incirca 45.000 m² di reti in acciaio ad alta resistenza DELTAX®, MINAX® e TECCO® , oltre a più di 1000 ml di barriere paramassi a bassa energia (35 kJ) e alta energia (3000 kJ), oltre a 300 ml di sistemi di attenuazione.

Per ridurre ed eliminare il potenziale della caduta di massi di dimensioni contenute si è inizialmente proceduto alla rottura preliminare delle scarpate, alla loro scagliatura meccanica e all’idrolavaggio. Le paramassi T35, per l’assorbimento di basse energie, sono state messe in opera in aree specifiche dove gli agenti atmosferici in generale, ma in particolare le piogge e il brillamento sono causa di continue instabilità e frequenti scoscendimenti.
I cedimenti delle pareti su larga scala sono gestiti in maniera continuativa da un radar che rileva la stabilità delle scarpate e da tre laser scanner. A causa però del potenziale rischio di repentini cedimenti dovuti dalla fragilità e dall’orientamento delle rocce, è difficile prevedere la loro evoluzione e mettere in atto dei sistemi di allarme tempestivi ed efficaci. In alternativa si è quindi proceduto a gestire tale rischio attraverso la messa in opera di numerose opere paramassi ad alta capacità d’assorbimento d’energia e laddove i cigli delle scarpate risultavano ridotti per l’effetto della costante erosione, sono stati istallati sistemi di attenuazione che ben si prestano a mitigare il rischio residuo.
Il destino estrattivo del Grande cratere è però segnato in quanto l’attività mineraria cesserà nel corso del prossimo mese di maggio, quando poi, l’area, verrà convertita in un progetto di carattere idrico.
Il nostro video mostra bene tutte le soluzioni attuate nella miniera di rame di Kanmantoo.

Cliente

Hillgrove Resources

Progettazione:

Geobrugg Australia Pty Ltd

Contraente:

RW Solutions

Oggetto protetto

Cava / Miniera, Infrastrutture

Protezione dalla corrosione

Galvanized, GEOBRUGG SUPERCOATING, GEOBRUGG ULTRACOATING

Il contatto locale

René Müller
   

René Müller

Country Manager Kantone AG BE BL BS FR GE JU NE SO VD VS

Sistemi contro il dissesto idrogeologico
Ingegneria idraulica
Miniera / Gallerie
Geobrugg AG,Industriestrasse 21,5200 Brugg / Svizzera Country Manager Kantone AG BE BL BS FR GE JU NE SO VD VS

E-mail

Alexander Bittendorfer
   

Alexander Bittendorfer

Project Manager Inspection Services

Sistemi contro il dissesto idrogeologico
Geobrugg AG,Aachstrasse 11,8590 Romanshorn / Svizzera Project Manager Inspection Services

E-mail

Isacco Toffoletto
   

Isacco Toffoletto

Ticino Country Manager

Sistemi contro il dissesto idrogeologico
Ingegneria idraulica
Miniera / Gallerie
Geobrugg AG Ticino,Stabile Cometal, via Pizzante 7,6595 Riazzino / Svizzera Ticino Country Manager

E-mail